“PERCORSI ED ESPERIENZE NEL TERRITORIO”

Riparte “Percorsi ed esperienze nel territorio”, l’iniziativa a cura del Centro Culturale Casa Zanussi che ha come finalità la diffusione della conoscenza, la valorizzazione e la promozione integrata del territorio regionale. Domenica 11 marzo in programma un itinerario artistico tra Versutta, Arzenutto e Barbeano, ma anche agricolo, alla scoperta delle barbatelle di Rauscedo.

Il ritrovo è alle 8.45 in Via Grado per la partenza verso Versutta, una località del comune di Casarsa della Delizia nota perché durante la Seconda Guerra Mondiale il poeta Pier Paolo Pasolini vi sfollò con la madre, mentre il centro abitato di Casarsa veniva semidistrutto dai bombardamenti. Nell’unica piazzetta di Versutta, sorge la chiesa di Sant’Antonio Abate, monumento artistico di pregio risalente al XIII secolo, che conserva al suo interno pregevoli cicli di affreschi assegnabili a diverse maestranze attive tra la seconda metà del XIV secolo e il XVI. Si potranno scoprire con la guida di Fulvio Dell’Agnese, storico dell’arte. La mattinata proseguirà ad Arzenutto con la visita della Chiesa dei Santi Filippo e Giacomo.

Ampliamenti e modifiche non hanno alterato la semplicità di forme e la purezza delle strutture della piccola costruzione, armonicamente inserita nella campagna che abbraccia l’antica direttrice che collegava Valvasone a San Martino al Tagliamento.

La tappa successiva sarà a Barbeano alla Chiesa di Sant’Antonio Abate, con Fulvio Dell’Agnese, storico dell’arte. La chiesa si trova appena ad ovest del centro abitato ed è fatta risalire con molta probabilità alla prima metà del 1300.

Dopo il pranzo all’Agriturismo Tina, si parte per Rauscedo, dove si visiterà la cooperativa agricola VITIS e la loro produzione di barbatelle innestate, vitigni autoctoni e internazionali. La loro gamma di prodotto comprende oltre 150 varietà di uve da vino, 15 portinnesti, più di 300 cloni, con una produzione di circa 10 milioni di innesti talea messi a dimora annualmente suddivisi in più di 1.000 combinazioni d’innesto.

Il rientro a Pordenone è previsto indicativamente per le 17. Iscrizioni già aperte. Info e prenotazioni: 0434 365387 – info@centroculturapordenone.it